Crea sito

Fino a non essere più estranei di Francesca Cerone

“Fino a non essere più estranei” é il secondo racconto scritto dalla scrittrice Francesca Cerone di Scalea  nata a Belvedere Marittimo (Cosenza) .

Già dalle prime righe si assapora il profumo nostalgico e romantico, “magazziniere di ricordi, conservati con cura e come cura per  la sanificazione dell’anima.

La continua spasmodica ricerca della pace interiore é raccontata, descritta ed elaborata in un linguaggio ed espressione letteraria più matura, rispetto alla sua prima opera” Respira “.

La tanto agognata pace interiore arriva solo attraverso l accettare e l accogliere il dolore, in una visione filosofica orientale della vita. Storie di vita si intersecano in maniera molto spontanea e sciolta e non mancano i colpi di scena, descritti in modo da lasciare spazio all immaginazione e alla visione umana dei nostri comportamenti.

Estranei

Ancora una volta viene raccontata la contrapposizione tra i due generi. Questa volta descritta attraverso la sofferenza scaturita dagli   affari di cuore.

Gabriele voleva un figlio, ma Amanda non era tagliata per la vita familiare.

Gabriele rappresenta l’amore ideale, che poi di ideale ha solo la parola, ma il significato si  nasconde nell’amore vero, quello che dovrebbe essere ma non è, all’opposto dell’egoismo altrui.

Ormai anche l’amore oggi è diventato oggetto di scambio ;ognuno cerca di accaparrarsi un boccone per sfamare una sete affettiva.

L’amore  come  lo descrive Francesca é fatto di piccoli gesti che nascono dal cuore e si nutrono della semplicità delle cose. É la routine, ci si riscopre e si cresce insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.